ALOE TESTIMONIANZE STORICHE

ALOE VERA

TESTIMONIANZE STORICHE

Vi sono testimonianze delle virtù dell’Aloe presso i Sumeri, i Greci, i Romani e tanti altri popoli, ma è interessante constatare come già dalla definizione che da questi ne è stata data nel corso dei secoli sia implicito l’interesse ed addirittura la venerazione per questa pianta:

  • “Pianta dell’Immortalità”, presso gli Egiziani, e sul “papiro Ebers” del 1550 avanti Cristo c’è uno dei resoconti egizi più dettagliati sull’Aloe. Le regine Nefertiti e Cleopatra usavano l’Aloe per accrescere la loro bellezza e leggiadria. Anche gli Ebrei, dopo anni di schiavitù in Egitto, ne appresero i segreti dai loro padroni, tant’è che il Re Salomone la coltivava per le sue proprietà aromatiche e terapeutiche.
  • “Pianta Miracolosa”, presso i monaci dei conventi che nel medioevo hanno tramandato fino ai nostri giorni il segreto delle proprietà medicinali di questa pianta.
  • “Magiche Virtù”, presso i Sumeri come è riportato con caratteri cuneiformi su una tavaletta di argilla risalente al 2100 avanti, uno dei primi esempi di uso farmacologico dell’Aloe.
  • “Elisir di Gerusalemme”, presso i Templari che formavano una miscela di polpa di Aloe, polpa di Canapa e vino di palma.
  • “Giglio del Deserto”, presso Tuareg del deserto, gli Arabi, i Beduini. Alessandro Magno conquistò l’isola di Socotra (vicino al corno d’Africa) per assicurarsi una continua fornitura di aloe per curare le ferite dei propri soldati durante le campagne militari.
  • “Guaritrice Silenziosa”, presso gli Indù.
  • “Rimedio Armonioso”, presso i dottori dell’antica Cina.
  • “Elisir della Longevità”, presso i Russi.
  • “Fontana della Giovinezza”, presso gli indiani Seminole della Florida, che credevano nel suo potere di ringiovanimento, ed invano cercata dall’esploratore Ponce de Leon.
  • Il medico greco Dioscoride (41-68 d.C.), al seguito dell’esercito romano, nel suo “Erbario Greco” descrive dettagliatamente le applicazioni dell’Aloe per la cura di numerosi disturbi interni ed esterni.
  • Plinio il Vecchio nella sua “Storia Naturale” confermò ed ampliò le affermazioni di Dioscoride. Successivamente, man mano che i centri della civiltà si spostarono verso climi più freddi, l’utilizzo di questa insolita pianta declinò ed i suoi benefici furono dimenticati.
  • “Pianta del Miracolo” o “Guaritore Naturale”, spesso così chiamata da molti, l’Aloe Vera sopravvive dove altre piante appassirebbero o morirebbero e ciò grazie alla capacità delle sue foglie di trattenere l’umidità. Questa pianta non è una panacea per tutti i mali, ma il suo succo, quando usato fresco direttamente dalla foglia oppure dopo un’opportuna lavorazione e stabilizzazione, possiede eccezionali proprietà terapeutiche, antinfiammatorie e nutritive, sia per gli uomini che per gli animali.

 

ALOE TESTIMONIANZE STORICHEultima modifica: 2010-01-04T15:31:46+01:00da vincenzoaloe
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento